Un nuovo ciclo di incontri per il Circolo dei Lettori

Si conclude l’estate ed i nuovi cicli di attività culturali hanno inizio, non fa certo eccezione il Circolo dei Lettori di Torino. In particolare sta per partire il progetto Vis-a-vis che mette al centro la cultura europea e le sue interconnessioni a partire dal pensiero di Jean-Jacques Rousseau tra Chambery e Torino.
Saranno davvero tanti poi gli ospiti che si avvicenderanno questo autunno sia nostrani che stranieri, tra questi: tra gli altri, Cristina Comencini, Marco Missiroli, Ernesto Ferrero, i Premi Strega Mario Desiati e Francesco Piccolo, David Quammen, il Premio Nobel Orhan Pamuk, Emanuele Trevi, Altan.
Così commenta Giulio Biino, presidente della Fondazione Circolo dei lettori e del Salone del Libro di Torino:

“Inizia un altro anno da vivere insieme, un programma sempre piu’ pluralista. La dimostrazione che la cultura e’ senza confini e che il Circolo non conosce confini”.

Mentre in tal senso si esprime Elena Loewenthal, direttore del Circolo dei lettori:

“La ripartenza del Circolo è quest’anno più ricca e variegata che mai: vogliamo ricominciare a vivere, ascoltare, dialogare e leggere insieme”.

Nel programma ci sono appuntamenti con le voci note del catalogo Audible, laboratori per bambini, gruppi di lettura, progetti in rete con il territorio, un progetto nel carcere Lorusso e Cutugno. La Fondazione Circolo dei Lettori continua a restituire ai visitatori spazi aulici: riapre il Salotto di Cavour, dove si potranno organizzare riunioni e incontri raccolti, nel luogo dove il primo primo ministro del Regno d’Italia discuteva i destini della patria, tessendo strategie e alleanze.

Edoardo Valle