Il Teatro Baretti porta un assaggio della nuova stagione

Il 26, 27 e 28 ottobre alle ore 20:00 si alza il sipario sullo spettacolo, “Veritgine 2.0”, anteprima della nuova stagione del Teatro Baretti, intitolata “Non ci resta che ridere”.
Nonostante il titolo “provocatorio”, la stagione teatrale sarà, come sempre, sensibile alle tematiche interculturali e all’inclusione, con particolare attenzione alle questioni ambientali e al coinvolgimento delle giovani professionalità. Le parole d’ordine saranno interdisciplinarietà e ibridazione dei linguaggi artistici, coinvolgimento diretto dello spettatore nel lavoro performativo con, tra le altre, l’impiego delle potenzialità artistiche del linguaggio digitale nella rappresentazione dal vivo. Un programma intenso che ospiterà spettacoli di teatro danza e spettacoli di prosa, momenti di approfondimento prima delle proiezioni cinematografiche con l’appuntamento Pillole di Teatro al Cinema. Non mancheranno i laboratori teatrali legati agli spettacoli e per il primo anno il palco del Teatro Baretti ospiterà anche spettacoli di stand up comedy.
Ma tornando allo spettacolo di questa settimana vedremo in scena Luana Doni, diretta da Monica Luccisano (associazione Tékhné), nei panni di una giovane donna afflitta da vertigini. Attraverso un percorso psicologico si troverà ad affrontare il suo passato e le imposizioni sociali che l’hanno portata a vivere nella sua attuale condizione, rinunciando a parti fondamentali di se stessa.

Il prezzo del biglietto sarà di 12 euro e 10 per i ridotti; sarà acquistabile in cassa prima dell’evento o online a questo link (con 0,70 euro di costi di prevendita).

Davide Cuneo